Seleziona una pagina

Per un Imprenditore sapere cos’è un autoresponder è assolutamente fondamentale se vuole avere in azienda un ufficio Marketing degno di questo nome. Quindi rispondiamo alla domanda: essenzialmente è un risponditore automatico. Anche se è riduttivo chiamarlo in questo modo. 

Sì esattamente. 

Ha molte più funzioni e le andremo ad analizzare nel corso di questo articolo.

Autoresponder. Perchè questo nome?

Ora che abbiamo visto cos’è un autorespnder vediamo come è nato. Agli albori dell’internet marketing per iscriversi alle newsletters era necessario inviare un messaggio vuoto e aspettare il messaggio di conferma dell’ autorisponditore. 

Da qui appunto il nome autoresponder.

Ovviamente poi il meccanismo di iscrizione alle newsletters si è sofisticato e perfezionato e ora è necessario solamente digitare il proprio indirizzo email in un form per iscriversi direttamente ad una lista di un autorisponditore.

Molto più semplice e logico ;)

Ti serve ancora un autoresponder o l’Email Marketing è morto?

Questa è da sempre una querelle presente in ambito marketing. E’ ancora utile fare email marketing nel 2021? La risposta?

Assolutamente sì!

L’email marketing non è morto, anzi rimane un ottimo canale di vendita e di acquisizione clienti.

Guardiamo il grafico qui sotto:

Fonte: https://optinmonster.com/email-marketing-vs-social-media-performance-2016-2019-statistics/ 

Come si vede chiaramente da questo sondaggio aggiornato a fine 2019 emergono dei dati estremamente interessanti.

Analizziamoli ora uno ad uno:

  • L’email rappresenta ancora il canale preferito per ricevere promozioni commerciali scalzando i social media di ben 3 volte.
  • Il tasso di conversione medio di una campagna di email marketing è 3 volte superiore a quello che si potrebbe avere da una campagna sui social network.
  • L’open rate e il click through rate dell’email marketing sono rispettivamente del 22% e del 3,7%.

Dati importanti e che fanno riflettere su quanto ancora il cliente sia attratto e poi effettivamente compri da una campagna di email marketing. La motivazione dietro a questi dati è dovuta al fatto che l’email marketing, se fatto bene, crea una relazione continua con il tuo cliente e, soprattutto, va a coinvolgere tutte le fasce di età. 

Anche quelle meno presenti sui social media ( gli over 50).

Richiedi Ora la Tua Consulenza GRATUITA Con un Nostro Esperto per Realizzare il Tuo Sistema di Marketing Efficace

Posso vendere online senza un autoresponder?

NO!

E’ necessario un autorisponditore per fluidificare tutti i processi di marketing del tuo processo di vendita.

Analizziamoli ora nei dettagli.

  • Fase di Opt-in: il cliente potenziale si è iscritto al tuo sito, funnel o e-commerce e a questo punto devi creare una sequenza introduttiva che lo fidelizzi e che presenti a lui la tua azienda e la tua attività. 

In questa prima fase è molto importante fare capire subito al potenziale cliente il come lo puoi aiutare e il perché si può affidare a te per la risoluzione del suo problema.

Altra funzione importantissima di questa prima parte della comunicazione è creare una relazione che sia potenzialmente duratura con i tuoi iscritti.

Per questo motivo è consigliabile che il mittente di queste e-mail sia una persona fisica e non una azienda.

E’ consigliabile inoltre fare emergere la propria personalità in queste comunicazioni.

  • Fase di Vendita: il tuo potenziale cliente si è appena trasformato in un cliente pagante a tutti gli effetti, insomma hai bisogno di confermare che il pagamento online è andato a buon fine e hai bisogno di segmentare chi è cliente da chi è rimasto un semplice contatto. 

Questo perché vuoi e vorrai in futuro avere un canale di comunicazione diverso per chi è già stato tuo cliente da chi non lo è mai stato.

E, in ultima analisi, ha bisogno di tenere traccia dei differenti comportamenti dei tuoi utenti.

Muoversi nella giungla degli autoresponder, quale scegliere?

Ce ne sono molti in giro sul mercato: Mailchimp, Getresponse, Active Campaign, Autopilot, Awaber , ClickFunnels (con la sezione Actionetics) ma qual è il migliore?

Non ce n’è uno in assoluto migliore di altri per quanto riguarda la delivery delle email. Ce ne sono molti molto buoni. Quello che personalmente mi sento di consigliare è, però, Active Campaign.

Analizziamo ora le funzionalità più interessanti di Active Campaign:

  • Automazioni di Email Marketing: puoi creare email automatiche e sequenze di azioni dinamiche a seconda del comportamento degli utenti dentro l’automazione.
  • Automazioni di Lead Scoring: i tuoi contatti aprono le email, ci cliccano ma non comprano? Puoi tenere traccia del loro comportamento e segmentare le loro azioni e decidere di fare partire delle chiamate di riattivazione del contatto dalla  forza commerciale.
  • Facebook Custom Audiences Integrations: il tuo contatto ha visitato una pagina del tuo store ma non ha comprato? E’ giunto il momento quindi di inseguirlo non solo con una o più email inerenti al tuo prodotto ma con del retargeting dedicato online su Facebook grazie all’integrazione delle Custom Audiences di Active Campaign.

Consiglio quindi Active Campaign per il tuo business?

Sì. 

Considerazioni finali

Personalmente credo che avere una efficiente marketing automation per la tua azienda o attività sia di importanza cruciale per il successo del tuo business online.

Una appropriata attività di email marketing ti permette di creare un business solido e soprattutto destinato a crescere.

Come fare ad applicare queste best practices al tuo business?
Prenota una consulenza gratuita qui sotto

Richiedi Ora la Tua Consulenza GRATUITA Con un Nostro Esperto per Realizzare il Tuo Sistema di Marketing Efficace
%%title%% %%page%% %%sep%% ultima modifica: 2021-03-12T09:55:10+01:00 Per un Imprenditore sapere cos'è un autoresponder è assolutamente fondamentale se vuole avere in azienda un ufficio Marketing degno di .... da Il Team di Funnel Company
The following two tabs change content below.