Seleziona una pagina

Se sei un imprenditore, ogni giorno cerchi di convincere le persone ad andare nella direzione allineata con la visione della tua azienda. Cerchi di far capire ai tuoi collaboratori l’importanza del lavoro che svolgono ogni giorno. Di tutto ciò, molto poco viene fatto efficacemente con la forza. Nessuno a cui fai sentire piccolo o sbagliato sarà spronato a fare grandi cose. Essere guidati dalla paura vuol dire fare del male agli altri e a te stesso. 

Come diventare un leader allora? I grandi leader guidano le persone con l’esempio, attraverso la persuasione e la logica, con collaborazione ed empatia. 

“Una vite produce un grappolo d’uva senza fare ulteriori richieste. Un leader dopo aver fatto una buona azione, semplicemente passa all’azione successiva proprio come la vite produce un altro grappolo d’uva nella stagione giusta.

Marco Aurelio.

Quali sono i valori che ci aiutano a diventare un leader?

Coraggio

La virtù più importante che possiedono tutti i grandi leader è il coraggio. Come dice Nassim Taleb, il coraggio è l’unica virtù che non puoi fingere.

Il coraggio è tutto. Coraggio di fronte al nemico. Coraggio di rischiare te stesso e la tua sicurezza. Coraggio di dire la verità. Coraggio di stare da solo. Coraggio per provare la cosa difficile, anche se potrebbe non funzionare. Coraggio per cambiare idea. Coraggio di difendere qualcosa per principio. Coraggio di fare ciò che è giusto.

Come lo otteniamo? 

Seneca ha scritto che solo il pugile che è stato insanguinato e contuso, in allenamento e nelle partite precedenti, può salire sul ring sicuro delle sue possibilità di vittoria. Quello che non è mai stato toccato prima, non ha mai avuto una dura lotta? È un combattente che ha paura e dovrebbe esserlo. Perché non hanno idea di come reggeranno.

Solo in “tempi che ci mettono alla prova”, scrisse Thomas Paine, possiamo trovare e sbloccare dentro di noi un “armadietto di fortezza”. La versione stoica di questa idea era la Cittadella Interna, una fortezza interna, a cui possiamo attingere per rafforzarsi in tempi difficili… se adeguatamente rifornita e costruita in tempi buoni.

Non sarà facile, non lo è mai, ma questo è il punto. Questo è ciò che serve per essere un grande leader.

Temperanza

È facile guardare i grandi leader e presumere che la loro disposizione sia naturale per loro, o che sia in qualche modo divinamente ispirata. Come facevano a essere sempre così freddi sotto il fuoco? Come facevano a essere sempre così autodisciplinati? 

Forse in alcuni casi questo è vero, ma di solito non lo è. 

Come leader, affrontiamo conflitti interni, abbiamo ambizioni, passioni, temperamenti, tentazioni … la cosa importante è capire se possiamo controllarli e incanalarli a fini positivi. Che si tratti di creare una nuova impresa o di guidarne una, essere gentili quando sarebbe più facile essere cattivi, resistere all’impulso dell’ego o dell’egoismo, possiamo conquistare noi stessi e rendere così il mondo un posto migliore. Essere provocato, solo per ignorarlo. Essere sotto una pressione incredibile e esibirsi nonostante ciò. Superare le proprie paure e limitazioni fisiche al servizio degli altri. Non farsi travolgere dalle passioni della folla. Questo, lo sappiamo, è l’autocontrollo per eccellenza. Ed è la vittoria che inizia in casa. Inizia dentro. E non fraintendetemi, è una battaglia tanto difficile da vincere quanto da combattere.

Come disse una volta Martin Luther King Jr., “C’è qualcosa di simile a una guerra civile in tutte le nostre vite”. 

Richiedi Ora la Tua Consulenza GRATUITA Con un Nostro Esperto per Realizzare il Tuo Sistema di Marketing Efficace

Dignità

La dignità è dentro di te, la dignità è tua”, disse Martin Luther King. 

Le persone che impazziscono e si arrabbiano troppo parlano sempre di “Non vengo rispettato”, ma il rispetto è qualcosa che non puoi controllare, giusto? 

Per gli stoici, le due grandi categorie in cui tutto doveva essere ordinato erano le cose che spettavano a noi e le cose che non dipendevano da noi. Anche se è bello essere rispettati, in realtà non è qualcosa che dipende da noi. Ma agire con dignità? Mantenere i nostri standard: il rispetto per noi stessi? Questo è nostro, sempre. Anche quando siamo sotto costrizione, affrontiamo le avversità o qualcuno sta cercando di umiliarci, la dignità rimane saldamente sotto il nostro controllo, a condizione che non ci arrendiamo.

Dobbiamo attenersi ad uno standard, un segnapunti interiore, e ignorare tutto il resto. L’applauso non ha senso e neanche i fischi. Ciò che conta è la nostra integrità, la nostra dignità e dobbiamo essere testimoni di noi stessi. Perché la cosa giusta è tutto ciò che conta.

Umiltà

Questa tentazione di credere di essere tutto, immuni dai vincoli o dai difetti degli altri è la fonte di tanto conflitto nel mondo. 

Ecco perché gli stoici, in particolare quelli che si sono trovati in posizioni di comando, hanno trascorso così tanto tempo a lavorare sui loro ego. Marco Aurelio praticò attivamente la sua filosofia in modo da non essere corrotto dal suo potere assoluto. 

L’ego è il nemico di ciò che stiamo cercando di realizzare. Dei leader che vorremmo essere. Di relazioni. Di gentilezza. Di direzione. Non possiamo accettare o ricevere feedback se non siamo in grado o non siamo interessati ad ascoltare da fonti esterne. Non possiamo riconoscere le opportunità, o crearle, se invece di vedere ciò che abbiamo di fronte, viviamo dentro la nostra stessa fantasia, senza un accurato resoconto delle nostre capacità rispetto agli altri, ciò che abbiamo non è fiducia ma illusione. Come dovremmo raggiungere, motivare o guidare le altre persone se non riusciamo a relazionarci con i loro bisogni, perché abbiamo perso il contatto con i nostri?

Come leader, dobbiamo ricordare sempre una cosa, anche quando il successo si accumula intorno a noi: Non siamo tutto. Siamo ordinari. Siamo mortali. 

Saggezza

Gli Stoici erano studenti. 

Tutti sarebbero stati d’accordo con l’osservazione di Emerson che possiamo imparare qualcosa da tutti quelli che incontriamo, perché tutti sono migliori di noi in qualcosa. Nel suo bellissimo libro, Memorie di Adriano, Marguerite Yourcenar ha chiesto ad Adriano di instillare quel consiglio in un giovane Marcus. Spiega a Marcus che ha guardato attivamente ai punti di forza degli imperatori diffamati che lo hanno preceduto e ha cercato di trovare una virtù che potesse prendere da loro.

«Ho guardato per esempio anche a quei dodici Cesari tanto maltrattati da Svetonio», gli fece scrivere, «la lucidità di Tiberio, senza la sua durezza; l’erudizione di Claudio, senza la sua debolezza; il gusto di Nerone per le arti, ma spogliato di ogni stolta vanità; la gentilezza di Tito, fermandosi al suo sentimentalismo; La parsimonia di Vespasiano, ma non la sua assurda avarizia.

Questi principi avevano avuto la loro parte negli affari umani; spettava a me scegliere d’ora in poi tra i loro atti ciò che doveva essere continuato, consolidando le cose migliori, correggendo le peggiori, fino al giorno in cui altri uomini, più o meno qualificati di me, ma carichi di uguale responsabilità, si sarebbero impegnati a rivedere i miei atti allo stesso modo”.

Questo è l’atteggiamento che dobbiamo assumere con noi, giorno per giorno, in qualunque posizione di leadership o di seguito occupiamo. Non basta imparare dalla storia o essere grati alle lezioni esplicite che riceviamo dai nostri insegnanti. Dobbiamo tenere gli occhi sempre aperti e cercare attivamente opportunità per imparare da tutti, comprese le persone che sappiamo essere imperfette o addirittura malvagie. Non dobbiamo lasciare che il nostro progresso morale ci impedisca di imparare da coloro che sono più indietro di noi sulla strada. Dobbiamo restare sempre studenti se vogliamo davvero imparare come diventare un leader.

Richiedi Ora la Tua Consulenza GRATUITA Con un Nostro Esperto per Realizzare il Tuo Sistema di Marketing Efficace <span class=”s1″></span>
ultima modifica: 2021-11-12T19:41:33+01:00 Se sei un imprenditore cerchi di convincere le persone ad andare nella direzione allineata con la tua visione, impara a farlo così... da Isidoro Rubio
The following two tabs change content below.

Isidoro Rubio

Consulente presso Funnel Company. Esperto di marketing strategico e brand activation. Appassionato di street food, ha appena comprato un'armonica e vorrebbe andare in Islanda.